Il vasetto è servito

Un secondo di pesce sfizioso preparato con una tecnica che fonde tradizione e innovazione: la vasocottura

Ricette Prodotto Coop Consigli 16 maggio 2021

Cosa spinge un “incapace” in cucina a portare in tavola una coda di rospo cotta in un vasetto? La praticità, la rapidità e la scenografia di chi compensa le scarse doti culinarie con un coupe de theatre. Si dice vasocottura, rimandando all’idea di una tecnica antica, e si mangia qualsiasi pietanza direttamente in un vaso; un metodo ispirato alle conserve, proprio come facevano le nostre nonne, ma che sfrutta un banale principio della fisica. Gli alimenti chiusi ermeticamente, cuociono in minor tempo perché l’aria, che è un ottimo isolante e non fa passare il calore, viene ridotta sigillando i cibi all’interno di un vaso. Si risparmia sul tempo di cottura, ma gusto e sapore rimangono invariati. Svelato l’arcano, tutto quello che occorre è un barattolo giusto e un pizzico di fantasia per allestire gli ingredienti in questo insolito alloggiamento; poi si cuoce a bagnomaria, al microonde oppure al formo a bassa temperatura. Per la ricetta che proponiamo, recuperata tra le pagine della rivista fior fiore in cucina, ci servirà una rana pescatrice a tranci. Facile da reperire, pescata tutto l’anno, la rana pescatrice nota anche come coda di rospo è un pesce dal sapore delicato con una carne soda e compatta che si presta a svariate preparazioni, come ad esempio con un mix aromatico decisamente mediterraneo.

** Solo qualche piccolo accorgimento: nella vasocottura non possono essere cotti i funghi (con la cottura si liberano le tossine che poi restano all’interno) e le patate devono sempre essere lessate o sbollentate prima.

Ingredienti per 4 porzioni e altrettanti vasetti 

• 300 g di tranci di coda di rospo (oppure utilizzate 1 confezione di code di rana pescatrice surgelate coop dopo averle ripulite della lisca centrale)

• 12 pomodorini ciliegini fior fiore

• 400 g di patate novelle

• 1 cipolla rossa

• 100 g di spinacini

• 4-5 rametti di prezzemolo

• 2 rametti di timo

• origano

aceto bianco

olio extra vergine di oliva Val di Mazara fior fiore

Sbucciate le patate, tagliatele a tocchetti e sbollentatele in acqua acidulata con 1 cucchiaino d’aceto per 3 minuti, quindi scolatele e conditele con un filo d’olio e il prezzemolo tritato. Affettate sottilmente la cipolla e conditela con una presa d’origano e olio. Sempre con olio e origano, cospargete i pomodorini tagliati a metà. Profumate il pesce con il timo. Disponete sul fondo del vasetto la cipolla, le patate, metà dei pomodorini, metà degli spinacini, il pesce e completate con i pomodorini e gli spinacini rimanenti. Chiudete i vasetti senza stringerli troppo metteteli in una pentola con fondo pesante, versate acqua calda fino a tre quarti e fate bollire per 25 minuti. Serviteli subito lasciandoli aprire ai commensali.


QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE

Alcuni cookie sono tecnici perchè necessari al corretto funzionamento del sito, altri cookie sono di profilazione per assicurare un’esperienza di visita coerente con i tuoi gusti, e altri sono di Terze Parti. Maggiori informazioni anche riguardo il loro monitoraggio e  disabilitazione sono disponibili nella Cookie Policy

 

Clicca su Accetta o naviga il sito per dare il tuo consenso all’uso dei cookie

Inserisci ora il codice OTP che trovi nel messaggio SMS che ti è stato inviato.
Non hai ricevuto l'SMS?
Richiedi nuovo invio
Richiesta effettuata con successo
Non hai ricevuto l'SMS? Chiedi un altro codice

Non ricevi più SMS sul quel numero?

Recati in negozio e comunica a sportello il nuovo numero per poter riabilitare la funzionalità OTP. Questo passaggio è necessario per garantire la sicurezza delle future operazioni che svolgerai.

Operazione completata con successo